mercoledì 20 febbraio 2013

Ricetta tipica delle Marche: la stracciatella alla marchigiana

Rubrica: L'Italia nel piattoArgomento: Zuppe, minestre, vellutate, creme, brodi
Giorno di pubblicazione: il 20 di ogni mese
Ricetta tipica delle Marche: la stracciatella alla marchigiana

Mamma mia che fatica essere sintetici! E sì!
Oggi ho fretta!
Vi vorrei parlare di questa interessante iniziativa, l'Italia nel piatto, che nel suo titolo racchiude tutti i sapori, i colori e gli aromi della nostra penisola.
Ma non posso.
Oggi ho fretta!
Vi vorrei parlare dell'argomento: zuppe, minestre, vellutate, creme e brodi che ci accompagnano nella fredda stagione, riscaldano con il loro delicato sapore le piovose giornate, così  come ci arricchiscono con il loro sali minerali  durante le lunghe giornate estive. Ma non posso.
Oggi ho fretta!
Vi vorrei parlare del giorno di pubblicazione: il 20 di ogni mese con argomentazione diversa. Ma non posso.
Oggi ho fretta!
Vi vorrei parlare della scelta della mia ricetta: la stracciatella, minestra tipica delle Marche, scelta tra tante altre: fagioli con le cotiche, passatelli in brodo di cappone, minestra di ceci, zuppa di lenticchie, tagliolini in brodo di pesce, pancotto. 
Ma non posso.
Oggi ho fretta!
Vi vorrei parlare delle origini della nostra stracciatella che inizialmente era costituita solo da tuorli d'uovo battuti e brodo e che è stata sempre considerata l'immancabile piatto d'ingresso dei primi ai pranzi di nozze: quelli dei nobile che dei "bifolchi". E che in realtà serviva per allargare lo stomaco, a scaldarlo, e a predisporre il palato alle abbuffate che ne seguivano.
Ma non posso.
Oggi ho fretta
Vi vorrei parlare degli ingredienti, pochi ma buoni. Ma non posso (Ok,solo foto!).
Ma non posso.
Oggi ho fretta!



Scusate, vi state chiedendo dove debbo andare? 
Semplice! Vado a vedere cosa hanno pubblicato le mie amiche di questo viaggio culinario. Venite con me?


                                                               Ingredienti
                                          
                                                               Brodo di carne
                                                               3 uova
                                                               gr. 150 di parmigiano grattugiato
                                                               gr. 50 di pane grattugiato
                                                               un pizzico di noce moscata
                                                               scorza di limone 
                                                               sale e pepe

In una terrina versiamo le uova sgusciate,


 aggiungiamo sale e pepe e iniziamo a sbatterle con una forchetta


quindi incorporiamo parte del parmigiano grattugiato e il pangrattato



mescolando fino ad ottenere un composto ben legato e non dimentichiamoci di aggiungere un pizzico di noce moscata e di scorza di limone grattugiata.





Ora portiamo a bollore il nostro brodo, possibilmente di carne, ma anche di verdure e versiamo il nostro impasto: una cucchiaiata alla volta.
Lasciamo bollire per un paio di minuti a fuoco dolcissimo


Non ci resta che versare la nostra stracciatella nelle fondine 



e, a piacere, aggiungere una spolverizzata di parmigiano grattugiato. Buon appetito



Un caloroso abbraccio a tutti voi che avete letto questo post e a tutte le mie care amiche che sostengono e aderiscono a questa rubrica che ci permette di conoscere tante ricette tipiche italiane.

.

32 commenti:

  1. Molto interessanti i viaggi enogastronomici, e le Marche, per noi piemontesi, sono sinonimo di buona cucina.

    RispondiElimina
  2. Che bontà!! Una ricetta deliziosa e le tue foto sono perfette...:-) bravissima e grazie ancora, un forte abbraccio

    RispondiElimina
  3. Un post davvero stupendo e simpaticissimo cara Sabrina....oggi hai ragione, anche io ho fretta di gustarmi tutti i vostri piatti meravigliosi!!! corro dalle altre!

    RispondiElimina
  4. C'è posto per un'imbucata, buone le minestre e le zuppe!!!

    RispondiElimina
  5. Dove corri aspettaaaaaa haahhaahahah..ecco così mai fatta solo con uovo intero ma proverò mi gusta tanto hihiihihi..scappo anch'io ciaoo

    RispondiElimina
  6. ahaha di corsa? :D nemmeno io mai fatto così un brodo, deve essere delizioso! ciaoo

    RispondiElimina
  7. grazie per essere passata!! il tuo blog è proprio carino, ti seguo con piacere!!
    Baci a presto^^

    RispondiElimina
  8. buono! anche io oggi ho frettaaa che giornataaaa però non potevo non fermarmi a vedere ste meraviglie!

    RispondiElimina
  9. sei simpaticissima come sempre.. e la tua ricetta è buonissima

    RispondiElimina
  10. Sei troppo forte ^_^
    Mi a mamma la faceva spesso che buona!
    Buona serata baci!

    RispondiElimina
  11. la preparo spesso,mi piace moltissimo, un bacio

    RispondiElimina
  12. Io non ho fretta, mi siedo e aspetto che mi servi una bella dose di questa favolosa stracciatella!!!
    Baci

    RispondiElimina
  13. Sροt on with this ωrіte-up, I sеriously think this ωeb site
    needѕ far more attention. I'll probably be back again to read more, thanks for the info!

    Review my web-site; www.paltwitter.com

    RispondiElimina
  14. Ma è una ricetta troppo buona!!!!!
    Grazie Sabrina davvero meravigliosa e da copiare
    anche per i bimbi è perfetta così nutriente.....
    Un bacione

    RispondiElimina
  15. questa ricetta mi riporta all'infanzia... è tanto tempo che non la provo ed ora me ne è venuta voglia :)

    RispondiElimina
  16. ma che simpaticona che sei cara Sabrina!
    ed io siccome non tutta questa fretta...mi gusto con immenso piacere questa coccola!
    una bella ricetta davvero!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  17. ... ihihihihihih... mi hai fatto sorridere :) Sei stata simpaticissima. Della ricetta che dire ..... buonissima. Mi ricorda la miainfanzia .... :)

    RispondiElimina
  18. L'ho mangiata un giorno mentre ero in campeggio nelle Marche e mi è piaciuta molto. Grazie per la ricetta che proverò a fare. Buona serata.

    RispondiElimina
  19. Un piatto ideale per il freddo di questi giorni.
    La prossima volta che hai fretta prepara un' altro piatto come questo.
    A presto

    RispondiElimina
  20. E meno male che avevi fretta e hai preparato un piatto che parla di gesti antichi e sapienti e di commensali soddisfatti e satolli ;)

    Non sapevo fosse una ricetta tipica marchigiana, mi ha fatto piacere scoprirlo!

    RispondiElimina
  21. la stracciatella è sempre gradita ...e poi se si ha fretta è ideale, ehehehe!
    bacioni!

    RispondiElimina
  22. Sai che sono stata indecisa anche io a preparare la stracciatella, simile alla tua? Perché anche da noi ricordo soprattutto quando ero bimba, ci stava l'abitudine di preparare la stracciatella come piatto d'entrata nei grandi pranzi. A questa seguivano quasi sempre le tagliatella (fettuccine da noi!). Che ricordi belli!!! E che belle fotografie!!!

    RispondiElimina
  23. La stracciatella viene preparata anche in Toscana. Ma sai che ne ho sempre sentito parlare, ma non l'avevo neanche mai vista? L'idea dell'uovo nel brodo mi paceva pensare a chissà quale strana consistenza, invece vedo che è davvero squisita. La proverò!

    RispondiElimina
  24. La stracciatella....laperfezione della semplicità! e per me il ricordo di mio padre :)
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  25. l'adoro!!!!quanti ricordi!!!grazie

    RispondiElimina
  26. ahahah Sabrina mi hai fatto leggere tutto d'un fiato l'inizio!! ahahah
    che ricetta interessante, facile e buona buona!
    da provare!!
    bravissima, baciii

    RispondiElimina
  27. Ciao Sabri un post molto divertente che si conclude con una fantastica minestra! Bacione a presto

    RispondiElimina
  28. mama che buona la vorrei stasera per scaldarmi!

    RispondiElimina
  29. Favolosa ricetta tradizionale,bravissima cara!! ;-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  30. Stupendo il tuo blog! Sono marchigiana anch'io: mamma di Fano e babbo di Todi, vivo da sempre in campagna nei pressi di Ancona. Stavo cercando la Cristaiet, mia madre l'ha sempre chiamata così, ma "Marchigiando" dizionario della cucina marchigiana, ho scoperto che si chiamano anche Cresc'tajat. Se vuoi puoi vedere come la preparava mia madre e poi ora io... Non è facile ritrovare queste ricette che portano con se la nostra storia con tutte le associazioni dell'infanzia ed il calore della famiglia di una volta. Mi sono già unita al tuo sito con tutto il mio entusiasmo nel trovare una quasi coetanea con gusti molto simili ai miei. Sei bravissima anche con le foto! Complimenti di cuore!

    RispondiElimina
  31. Sono Raffa http://blog.giallozafferano.it/ricettecampagna

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...