giovedì 31 gennaio 2013

Pane marchigiano, pane senza sale

Storia, mito, leggenda o ... semplicemente la mia fantasia.
Si racconta che un giorno dalle mani del Signore caddero tante perlettine e che una di queste s'incastonò tra il fiume Metauro e il torrente Arzilla, a ridosso delle dolci colline ed in riva al Mare Adriatico. Nacque così la mia città: Fano, ricca di storia, di monumenti, di verde e di tranquillità. Molte persone che trascorrono qui le vacanze, se ne innamorano subito: sarà per il mare pulito, per le varie manifestazioni, per il centro storico o forse per l'ottima cucina. Non mancano di sicuro sulle nostre tavole piatti appetitosi e invitanti, tradizionali e innovativi: lo stoccafisso alla fanese, il famoso brodetto, la crescia di Pasqua, i castagnoli, i pannociati e come non citare il famoso pane casareccio con la sua particolarità.
E si! Il nostro pane ha una caratteristica che lo rende riconoscibile tra tanti: è insipido, senza sale ne condimenti, realizzato semplicemente con farina, acqua e lievito. Nonostante questi poveri e pochi ingredienti, il nostro pane è ottimo, ben lievitato all'interno e con la crosta esterna ben croccante ed è sempre un vero piacere prepararlo. Bastano pochi accorgimenti per gustare non solo il sapore ma il suo profumo e sfido chiunque a contraddirmi. Il profumo del pane appena sfornato non ha paragoni!!!
Per un'ottima riuscita la farina deve essere di buona qualità, l'acqua non eccessivamente calcarea ed il lievito,  quello fresco di birra, anche se è meglio quello naturale che si ottiene facendo fermentare la farina mescolata con l'acqua, Questo processo si può favorire aggiungendo pezzettini di mela o di banana. Da questo lievito madre, gentilmente fornito da Maria Grazia, nasce la ricetta e il mio pane di oggi




Ingredienti

gr. 250 di lievito madre
kg. 1 di farina
acqua
gr. 10 di lievito di birra

Ricordiamoci che il lievito madre, detto anche lievito naturale, va lavorato al momento del suo utilizzo, aggiungendo altra farina e acqua.
Versiamo la farina nella spianatoia formando un cratere,

.

facciamo un foro ed uniamo l'acqua tiepida dove abbiamo sciolto il pezzettino di lievito. Lavoriamo l'impasto aggiungendo gradatamente il lievito madre fino ad includerlo nella massa e lasciamo lievitare l'impasto ottenuto in un luogo caldo e al riparo da correnti per circa 2 ore. Riprendiamo l'impasto lievitato, sgonfiamolo e lavoriamolo nuovamente dandogli la forma desiderata, o 2 pezzi oppure 4 o 5 pagnottelle. A piacere possiamo allungare un pezzo dell'impasto formando i famosi sfilatini o filoncini con lo spacco che troviamo in tutte le panetterie della nostra città.
Poniamo le forme sulla teglia del forno, pratichiamo un taglio longitudinale con un coltello affilato e lasciamo lievitare tutta la notte.


Trascorso questo periodo inforniamo in forno caldo a 200° per 30 minuti circa. Sforniamo ed ecco il nostro risultato. Buon appetito.



Questo tipo di pane si può gustare da solo, come base per le bruschette, abbinato a formaggi, può accompagnare secondi o essere usato da intingere magari in una succulenta salsa. 
A noi la scelta! Io propongo pane e mortadella, appena tagliata


Lo sapete che io penso sempre anche a voi, ma mi raccomando non perdete tempo: il pane è appena sfornato e la mortadella appena affettata!!!


Con questa ricetta partecipo al contest I pani della Tradizione, ideato dal blog La cultura del Frumento




9 commenti:

  1. Ma tu sei sadica.....a quest'ora vedere sto ben di Dio e sentire lo stomaco che grida vendetta....Ma sai che non sapevo che il pane insipido lo aveste anche voi? Pensavo fosse solo legato al territorio toscano, dove mio marito ha le sue origini. Paola

    RispondiElimina
  2. Mi piacerebbe moltissimo saper fare un pane simile sei stata bravissima!
    Vale

    RispondiElimina
  3. Brava Sabri anche io faccio il pane in casa e per me è molto più buono, ma è una rovina quando si sforna te lo mangeresti tutto ed hai proprio ragione con la mortadella appena tagliata è il massimo.Trooopppo buono!!!!!

    RispondiElimina
  4. che meraviglia di foto! un pane stupendo, complimenti!

    RispondiElimina
  5. Anche il pane toscano è senza sale... infatti tutti coloro che lo provano per la prima volta ne rimangono sorpresi. Io non me ne accorgo neanche che è insipido... a me piace tantissimo. E visto che è preparato esattamente nello stesso modo anche il vostro pane marchigiano mi piace sicuramente tanto.

    RispondiElimina
  6. secondo me è il migliore perchè così si assapora di più sia il pane che quello che ci metti sopra, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Buonoooo passa da me domani ho un piccolo presente ciaooo

    RispondiElimina
  8. Pieni voti. Altro che il pane che comperiamo qui, anche se in un negozio bio. Sto informandomi "di qua e di là" come farlo in casa e, prima o dopo, ci arriverò. Ritengo la tua ricetta e ti auguro una buona domenica.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...