venerdì 21 settembre 2012

Tacconi con il pomodoro fresco: quando si dice cucina marchigiana

Sono sempre alla ricerca di un giusto impulso per possa stimolare la mia creatività: spesso è una sfida con me stessa.
- Giro tra le bancarelle stracolme di maglie, ciabatte, saponi, lenzuola
- Niente attira la mia curiosità, il mio sguardo è assente
- Ho deciso: oggi non è giornata, torno a casa
- Poi nell'angolo più remoto della piazza vedo un piccolo banco di vendita, un tavolo con una tovaglia bianca
   ricamata a mano e sopra tante buste trasparenti contenenti ... non so! Ma qualcosa mi dice che forse mi
   potrebbe interessare. Deformazione professionale, potrei dire! Ma, no! E' quella famosa "molla" che mi
   scatta e mette in moto la mia volontà
-  Mi avvicino al banco e noto con piacere che si tratta di farina, ma non la classica farina
-  E' lì che mi aspetta, la prendo in mano e la guardo; non necessitano parole, riaffiorano i ricordi mescolati      
   ai profumi e ai sapori anche se ormai tutto è sbiadito dal tempo
-  Il mio cuore sorride: finalmente, la farina di fave
- Velocemente con la mia bicicletta mi dirigo verso casa e già, con la fantasia, mi pregusto i miei tacconi ...
   scusate! Volete favorire?
 
                                TACCONI o BATOC: ricetta della cucina marchigiana
     
Gli attrezzi necessari per ottenere degli ottimi tacconi sono:
                                                 
                                                       
                                                       el schiador detto anche rasagnol




la radmatra: spatola di ferro con manico ricurvo che serve per raschiare la "panara"




el curtel e la panara




Ecco l'attrezzo principale: le mani in pasta o ciò che io chiamo la volontà di fare

Ingredienti per i tacconi

gr. 200 di farina di frumento
gr. 200 di farina di fave
acqua tiepida

Ingredienti per il sugo

Cipolla
olio
pomodori freschi
prezzemolo
sale e pepe a mulinello

Impastiamo le due farine con acqua tiepida fino ad avere un impasto morbido e compatto. Tiriamo una sfoglia sottile e lasciamola leggermente ad asciugare. Arrotoliamola e tagliamola come facciamo solitamente per le tagliatelle ottenendo i tacconi marchigiani, che si differenziano dai batocchi per la forma. In realtà questi ultimi sono dei quadrati di 2 o 3 centimetri. 




Ora la pasta è pronta per essere cotta in abbondante acqua salata mentre nel frattempo prepariamo un semplice sugo con i pomodori freschi che uniremo alla pasta appena scolata. Ci tengo a far notare che, per tradizione, durante le vigilie, viene usato un condimento a base di noci e acciughe.



Indubbiamente questo piatto ha un origine povera, legata alla tradizione culinaria del mondo contadino. La maggior diffusione presumo che sia avvenuta durante il periodo della mezzadria, quando i nostri terreni erano coltivati a frumento di grano e parte del ricavato andava al padrone mentre il resto rimaneva per il sostentamento della famiglia e per pagare i debiti e gli oneri. Il grano era quindi un bene supremo e il timore di rimare sprovvisti spingeva i contadini e soprattutto le massaie verso l'impiego di farine alternative come quella di fave. Da qui con il tempo si è trovato il giusto rapporto tra la farina di frumento e quella di fave in modo da ottenere un prodotto gustoso e nutrizionalmente valido: i tacconi 



Buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest ideato dal blog La cultura del frumento relativo alle paste regionali

14 commenti:

  1. La farina di fave non la conoscevo! Potresti farci dellepanelle...chissà....
    Grazie per la ricetta.
    Buona Giornata, Ge
    http://letortedigessica.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo proprio la farina di fave! Una bellissima e gustosa scoperta devo dire!
    grazie mille per la ricetta!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. davvero particolari questi tacconi!!!davvero belli e chissà il sapore

    RispondiElimina
  4. la farina di fave? ma dai, mai sentita e adesso dove la trovooooo, bellissima ricetta, un bacio

    RispondiElimina
  5. Adesso mi sento alquanto marchigiano anch'io! :)

    RispondiElimina
  6. Ma sai che non sapevo esistesse la farina di fave? Non so se dalle mie parti ci sia, magari in qualche negozio più specializzato in una città magari. Mi hai fatto venire una fame.....e vista l'ora...ne è rimasta un pò? Grazie a te sto scoprendo un sacco di cose buone, tradizioni e molto altro. Tutte cose che io adoro! A presto Paola

    RispondiElimina
  7. esiste la farina di fave? e quell'attrezzo è troppo carino!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. El schiador dovrei costruirlo da me perché chi vuoi che lo venda o solo lo conosca qui in Francia. Non sono uno che si perde di coraggio e quindi userò un altro attrezzo. Sai c'è una battuta (creata dai veneziani che avevano un dente contro i chioggiotti) in cui si dice che dei chioggiotti sono morti di fame durante la pesca in laguna perché non avevano il filo per tagliare la polenta.

    RispondiElimina
  9. non conoscevo la radmatra, che attrezzo strano e curioso... complimenti per il post e per le foto. Davvero interessanti!

    RispondiElimina
  10. adoro la pasta fatta in casa questa è una vera bontà, buon WE, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  11. ricetta bellissima, amo la pasta fatta con farine antiche, infatti sto cercando la farina di fave da un paio di mesi, mi dici dove l'hai comprata e magari di che marca è così posso provare a cercarla meglio...grazie

    RispondiElimina
  12. questi Tacconi con il pomodoro fresco son veramente speciali!! una ricetta tutta da gustare!! da provare in cucina!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...