giovedì 29 marzo 2012

Un pesce per il primo d'aprile

Avete presente quelle casette di legno in mezzo al bosco con affianco un ruscelletto, dove il tempo non ha le ore? Ecco questa sarà l'ambientazione del mio prossimo post! Non necessitano gli occhialetti 3D, ma solo un po' di fantasia: provate ad immedesimarvi e seguitemi in questo viaggio fantastico. Ma se la cosa non v'interessa non mi offendo avremo tanti altri post per stare insieme!!!


Avril era un povero papero che tutti i giorni combatteva il quotidiano per la sopravvivenza, ma non si sa perché ogni sera riusciva ad andare a letto felice e sereno. Aveva appena trascorso un inverno difficile, al freddo e all'agghiaccio,  e, a causa di qualche pranzo e qualche cena mancati, era dimagrito di un paio di chili. Oramai la primavera era alle porte, i primi germogli, timidamente, erano spuntati dai rami spogli da mesi, il profumo dei narcisi aveva inebriato l'aria, prendendo il posto del profumo dei funghi, e, non a caso, le rondini erano già tornate nei lori vecchi nidi, abbandonati prima dell'inverno. E già! Se non aveva sbagliato a fare i conti, giorno dopo giorno, eravamo giunti al primo di aprile. E proprio quella mattina, si era alzato con in testa l'idea di trascorre una giornata tra la natura, come se già non lo facesse tutti i giorni, ma forse prevedeva che sarebbe stata una giornata molto particolare: da ricordare. E. come dice un antico proverbio imparato dal suo vecchio nonno papero "Chi dorme non piglia pesci", si armò di canna da pesca e si diresse verso il ruscello, anche se in cuor suo sapeva già che non avrebbe pescato nulla. Camminava lentamente e scuoteva la testa mentre pensava "Niente pesce, niente pranzo: amara consolazione!". I suoi cari amici che erano soliti osservare questa scena quotidianamente, decisero all'unanimità di rendere la giornata un po' più allegra e movimentata con uno scherzo e si misero ad impastare acqua, farina formando tanti pesciolini, di forma e di colore e di sapore diversi. Ora usate la vostra fantasia e provate ad immaginare che ognuno degli amici di Avri ha farcito il proprio "pesciolino" in base alla propria creatività e alla propria professione: Lolly, il macellaio, ha farcito il "pesciolino" con un pezzettino di salsiccia; Nanny, il pasticcere, ha usato  una goccia di cioccolato; Willy, il salumiere, non poteva che realizzare un ripieno con il formaggio; per non parlare di Clelia, la fiorista, che con la sua fantasia ha utilizzato petali di violetta cristallizzati, mentre a Mariana, la fruttivendola, è bastato un pezzettino di pomodoro per farcire il suo piccolo pesciolino. E un pesce dopo l'altro, riempirono un cesto colmo che trasportarono sulle sponde del ruscello a monte di dove si era posizionato Avril e  lasciarono tutti i pesci nelle limpide e fredde acque del fiume, che, quasi per magia, presero vita. Nel frattempo Avril aveva già iniziato a pescare ma di pesci neanche l'ombra o meglio neanche una squama.Quando, ad un tratto, vide qualcosa muoversi: un leggero movimento argenteo, sembrava vedersi all'orizzonte. Quasi un miraggio, un branco di pesci, ad dire il vero un po' strani nella forma, ma pur sempre qualcosa con cui saziare la sua fame ormai invecchiata che lo stava divorando. Ed ecco che i primi pesci iniziarono ad abboccare, Avril incredulo e allo stesso tempo entusiasta non credeva ai suoi occhi; in poco tempo il suo cestino da pesca si riempe di pesciolini dai mille sapori, dai mille ripieni e il suo cuore trabocca di felicità. Avrebbe pranzato, avrebbe potuto invitare qualche amico e sarebbe entrato a far parte del club dei pescatori del paese. Era talmente felice che sentiva il bisogno di condividere con tutti il proprio stato d'animo tanto che durante il percorso per tornare a casa regalò tutti i pesci: a chi aveva più bisogno di lui, ad un passante, ad una donna incinta, ad uno zoppo, ad una vedova con treCi figli e persona dopo persona si ritrovò davanti casa con il cestino di nuovo vuoto, vuoto come la sua pancia. Mannaggia! Anche oggi senza pranzo! Non è possibile! Mettiamo qualcosa di nostro! Cosa ne dite se  in fondo, ma proprio in fondo al cestino, facessimo trovare ad Avril un ultimo pesciolino? A questa visione, magicamente gli  occhi del papero s'illuminano, un sorriso gli fa allungare il becco tanto da far uscire un vergognoso "qua,qua" e le sue zampette senza neppure pensarci un minuto si dirigono velocemente verso la cucina: ora il papero è pronto a preparare il miglior pesce dell'anno che con il tempo ha assunto il nome di pesce d'Avril. Ci tengo a precisare che anche senza il nostro piccolo intervento Avril quel giorno sarebbe stato comunque sazio: non di pesce ma di bontà e di altruismo verso gli altri. Aver condiviso il suo pescato con chi era più povero di lui gli aveva riempito l'animo di gioia e di felicità. Ci tengo a precisare che anche io ero tra gli amici di Avril che quel famoso giorno hanno ideato lo scherzo e per il mio caro amico papero ho realizzato un favoloso pesciolino ripieno di ... lavoro in un negozio di generi alimentari, quindi la risposta già ve la potete anche immaginare, ma perché mi siete simpatici e mi avete seguito fino qui  voglio condividere la ricetta con tutti voi.

                                                                      Per la pasta
                                           
                                                                      gr.300 di farina
                                                                      gr, 80 di olio extravergine
                                                                      gr.100 di vino rosso
                                                                      un pizzico di sale

                                                                      Per la farcitura

                                                                      Spinaci lessati
                                                                      1 peperone giallo
                                                                      1 peperone rosso
                                                                      2 uova
                                                                       parmigiano grattugiato
                                                                       1 fetta di emmental
                                                                        sale e pepe


Prepariamo la base impastando la farina con il vino rosso, l'olio e il sale ottenendo un composto morbido con il quale foderiamo in questo caso uno stampo a forma di pesce. Ci stendiamo uno strato di spinaci lessati, i peperoni, precedentemente tagliati a pezzettini e cotti in poco olio, le uova sbattute con il parmigiano ed infine l'emmental a cubetti, sale e pepe.




Non ci resta che ricoprire la mini tortina con una leggera sfoglia al vino ed infornare in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti. Sforniamo e capovolgiamo il nostro "pesciolino". Auguro a tutti buon appetito e buon primo aprile!!!



Con questo post, corredato di racconto, ricetta e foto


partecipo al contest ideato ed organizzato dal blog La cultura del frumento


23 commenti:

  1. interessante è da provare.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  2. che bell'idea!!!
    Bel blog! Ti seguo con piacere!
    Claudia
    http://petitecuilliere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. Già mi sono innamorata del papero...e complimenti goloso il pesce ripieno!!!!!!!!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. ma sai che ho fatto anche io una cosa simile ieri?? la tua versione è buonissima

    RispondiElimina
  5. Che idea!! ti volevo invitare a partecipare al mio primo contest sulle stagioni. Ne sarei felice. A presto. www.dolciarmonie.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. se chiudo gli occhi..vedo solo i miei errori...sto con gli occhi aperti e mi godo questo primo aprile

    RispondiElimina
  7. ciao Sabrina,
    bellissima storia e anche l'idea mi è piaciuta molto, complimenti e passa dal mio Blog quando vuoi, mi ha fatto piacere conoscerti e ti ho aggiunta ai Blog che seguo.
    saluti Guerino

    RispondiElimina
  8. Non sapevo di questa ricettina con l'impasto al vino rosso. E' davvero interessante e il fatto che ci siano le verdure che io amo moltissimo, mi attizza ancora di più provarla. A presto Paola

    RispondiElimina
  9. Ma che bello questo pesce e sicuramente buono!Carinissimo il post! Ciao

    RispondiElimina
  10. Bella questa ricetta, davvero invitante, salutami Avril, ciao.

    RispondiElimina
  11. Avril che carino :-) Ce ne vorrebbero tanti come lui , la bontà d animo si sta perdendo... I tuoi pesciolini sono belli e buoni:-) complimenti ! Baci

    RispondiElimina
  12. * Sono passata per un saluto veloce ed invece mi hai trattenuto con questa gustosissima ricetta e con... la fantastica storia del generosissimo Avril. Bravissima!!!
    * Come avrai capito mi piace inventare favole ma.... mi diverto moltissimo anche a leggere quelle degli altri ^____^
    Tante gioiose giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  13. ma che bella storiella e che meraviglioso pesciolino!!! sei sempre bravissima!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao!!!!Grazie per esser passata mi ha fatto davvero piacere!!!hai un blog bellissimo!!Mi unisco ai tuoi sostenitori molto volentieri:-)A presto, buon weekend!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Sabrina passo per un saluto veloce..., grazie per la visita e ti auguro un buon fine settimana!
    Baci

    RispondiElimina
  16. bellissima questa ricetta (: bellissimi i colori!

    RispondiElimina
  17. deve essere buonissimo...grazie

    RispondiElimina
  18. Ottima la storia e una buona ricetta da fare oggi. Ciao Sabrina e buona domenica.

    RispondiElimina
  19. bella la storia e questo pesce deve essere buonissimo!!! complimenti :)

    RispondiElimina
  20. che pesce gustoso! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  21. Quel papero mi è molto simpatico e il tuo pescetto molto goloso! ^-^
    Un bacione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...